Come ogni anno nel periodo delle piogge ci segnalano edifici in terra cruda pericolanti e abbandonati che per assenza di manutenzioni subiscono dei crolli e sovente, per ragioni dovute ai pericoli per l’incolumità pubblica, subiscono la demolizione totale del fabbricato.
I casi interessati dai crolli riguardano prevalentemente strutture con più di un secolo di vita, disabitati da tempo, spesso manomessi nelle loro strutture originarie, in alcuni casi privati delle parti di maggior pregio per il mercato, come ad esempio travi in ginepro o tegole antiche, e privi di qualsiasi manutenzione negli ultimi decenni.
CONTINUA >>

Samassi, 20 gennaio 2021

Dr. Enrico Pusceddu
Presidente Associazione internazionale Città della Terra cruda